Ricerca Google: come ottimizzare un sito

Google in pochi anni è diventato il motore di ricerca più utilizzato in internet. Quasi il 97% delle ricerche svolte oggi dagli utenti italiani passano attraverso questo notissimo motore di ricerca. Per qualsiasi sito web la sua visibilità e la sua rintracciabilità nelle prime due pagine dei risultati di ricerca (SERP) diventa quindi importantissima. Ci sono, per ogni parola chiave di ricerca pertinente al vostro sito web, solo venti posizioni a cui ambire, se desiderate che il vostro sito abbia più popolarità e venga visitato sempre da tanti nuovi potenziali clienti. Per questo motivo è assolutamente necessario che il vostro sito web sia ottimizzato e reso più appetibile dalle ricerche di Google. La soluzione più facile è quella di avvalervi di un consulente SEO specializzato che, preso in carica il vostro sito, gli faccia scalare la vetta delle prime posizioni.

Strategie e trucchi

Ovviamente esistono dei trucchi per fare in modo che le pagine del vostro sito siano rese più appetibili agli occhi dei motori di ricerca (es. Keyword Stuffing), ma è tuttavia senz’altro meglio pianificare una strategia di posizionamento efficace perché ci metterà al riparo da eventuali penalizzazioni di posizionamento; è sempre piuttosto difficile risalire dal fondo. seo-webmarketingUna di queste strategie consiste nello studiare con attenzione tutti i vari competitors ed il loro attuale posizionamento analizzandone anche i link ed i backlink da e verso la pagina che appare nelle varie pagine con le stesse parole chiave con cui vorremmo che il nostro sito si posizionasse.

Tecniche interne

Ci sono poi delle operazioni di aggiustamento delle pagine web che compongono il sito, che se sviluppate in ottica SEO, aiuteranno a migliorare il posizionamento di quella pagina ben specifica. Ad esempio la revisione dei TAG title di tutte le pagine e dei TAGs degli attributi delle immagini caricate sul sito, contribuiscono pesantemente a rendere la pagina più appetibile per i motori di ricerca, soprattutto per l’indicizzazione di Google.

Altre operazioni possono anche essere effettuate direttamente da Google WebMaster Tool, cioè lo strumento che Google mette a disposizione dei WebMaster, insieme a Google Analytics,e che aggiornano continuamente la situazione inerente al traffico di ricerca ed ai problemi di comunicazione con il server di hosting.

Tecniche esterne

Una volta che il sito è online occorre attendere l’indicizzazione e cioè che il sito venga visitato dai crawler e che cominci a comparire almeno tra le ultime pagine dei risultati di ricerca. La posizione va monitorata e per farlo si può ricorrere a vari strumenti disponibili sia gratuitamente online che a pagamento. Ma la parte più difficile ed importante riguarda il fatto che questo sito venga visitato sempre più intensamente e che se ne cominci a parlare sui canali di comunicazione che fanno capo alla rete, come blogs, social network e directory web. Soltanto così il vostro sito acquisterà popolarità e potrà risalire tutta la SERP fino a giungere là, dove osano solo le aquile!


Per un preventivo, contattate gli esperti di Siti Web a Torino!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>